articoli Per utenti di servizi bancari e finanziari
BANCA POPOLARE DI BARI: PROTESTANO GLI AZIONISTI

BANCA POPOLARE DI BARI: PROTESTANO GLI AZIONISTI

Sono oltre 70 mila e chiedono chiarezza sul futuro delle loro azioni, dei lori risparmi, dei loro prodotti finanziari, dichiarati a suo tempo sicuri da parte della Popolare di Bari e che però sono stati fortemente svalutati. Ora gli  azionisti bidonati sono attivi anche su facebook, con pagine  come "Comitato azionisti fottuti contro la Banca Popolare di Bari" e il gruppo “Azionisti Bidonati Banca Popolare di Bari”  Gli azionisti protestano contro il crollo delle azioni della banca barese, scese a  7 euro e 50. L'Istituto di credito si difende e parla di piccola svalutazione  visto che il 20% di passivo non può essere paragonato a quello registrato altrove, nel mondo bancario, pari al 60-80%. Esiste però il problema del rimborso delle azioni ai soci che vogliono uscire dall’investimento e che al momento non trovano acquirenti alle azioni. 
La situazione di particolare gravità ha spinto numerosi azionisti a scendere in piazza per protestare ed avere spiegazioni ed assicurazioni sulle strategie della banca finalizzate alla sua normalizzazione ed al recupero della sua operatività e liquidità. Sulla gestione della Banca pesano decisioni sbagliate e comunque no ponderate così come dovevano. Nel 2014 Jacobini aveva raccolto 800 milioni di euro vendendo titoli a migliaia di risparmiatori; sempre nel 2014 la Banca Popolare di Bari ha venduto 200 milioni di obbligazioni subordinate, investimento sicuramente ( ma anche purtroppo virtualmente) ad alto reddito ( 6,5% annuo) ma di certo meno garantito dei classici bond, come hanno scoperto negli ultimi mesi ( sulla loro pelle) i clienti di Banche liquidate  a partire da Banca Etruria. Grazie all’incredibile vendita di obbligazioni, il numero dei soci della Popolare di Bari è cresciuto in maniera esponenziale passando da 50mila soci agli attuali 70mila, a cui fa capo l’intero capitale sociale della Banca. 

Un problema  non indifferente se si pensa al fatto che le azioni della Popolare di Bari non sono ancora quotate in borsa, e quindi chi vuole rivendere le azioni acquistate deve gioco forza attenersi di anno in anno alla valutazione degli amministratori ed essere poi sottoposta alla decisone finale dell’assemblea dei soci. In pratica lo stesso sistema che ha già dato fregature e pessimi risultati ai soci coinvolti nelle crisi della Veneto Banca e della Popolare di Vicenza.

La Banca a sua  volta si difende sostenendo che “il titolo è quello che ha meno subito gli effetti drammatici della più acuta crisi del sistema bancario e quanto alla liquidità della banca, certa della propria solidità e forza industriale, la stessa è impegnata  con ogni energia a perseguire  risultati che possano ricreare le condizioni perché si ripristini la fluidità del mercato, come avvenuto da 60 anni”. Purtroppo però  da un anno non è così  e le richieste di vendere le azioni restano inevase a causa  dello sbilancio tra migliaia di soci che chiedono di vendere azioni non quotate ma che in concreto quasi nessuno vuole comprare.

In molti ritengono che vada messo sotto accusa il management della banca che invece ha deciso di aumentare lo stipendio a tutti i dirigenti apicali; solo per fare un esempio il Presidente Jacobini si è visto aumentare lo stipendio a 700mila euro, 50mila euro in più rispetto al 2014 e così dicasi per tutti gli altri. Un tempo questi benefit venivano riconosciuti e concessi a seguito di performance che avevano prodotto utili e vantaggi oggi, che strano, si premiano le performance che rischiano di portare la Banca al default.
Allo sciopero di protesta dei soci della Banca ha fatto seguito la denuncia all’autorità giudiziaria presentata da numerosi soci che chiedono di conoscere la verità; un passaggio giusto e doveroso per cercare di  evitare o limitare le  conseguenze gravissime determinate dalle consistenti perdite subite dalla banca ed in particolare la perdita in un sol colpo di tutti i propri risparmi.
La Procura di Bari da luglio indaga sulle ricapitalizzazioni incrociate con Cariferrara  e vuole vederci chiaro anche su alcune cessioni di azioni fatte nei giorni del decreto di riforma delle popolari, oltre che su ipotesi di finanziamento  a soci locali per comprare azioni . Bankitalia dall’estate conduce un’ispezione a tappeto sul gruppo, indiscrezioni parlano di una situazione molto grave.
La prossima assemblea dovrà convertire l’istituto in S.p.A. e dovrebbe tenersi l’11 dicembre  2016, a pochi giorni dal termine ultimo posto dal governo.  A giorni conosceremo il  prezzo e l’ammontare del recesso per i soci che non vogliono diventare “azionisti”; va detto, infine, che il valore attuale di 7,50 euro appare sovrastimato rispetto al patrimonio netto, dato che in Borsa le banche rivali quotano a meno di metà.

Link utili:

Comunicazioni e informative al pubblico

Regolamento di negoziazione

Statuto Sociale Banca Popolare di Bari        


L'Ufficio Legale di AECI in collaborazione con StudioCredit  assiste i soci nella verifica delle anomalie del contratto e in tutte le  controversie bancarie e finanziarie.

Racconta il Tuo Caso

                                                                             truffati da Banca popolare di bari

 ISCRIVITI ON LINE

 



27-10-2016

Pubblicato da: AECI Firenze






multimediaArea Riservata
area consumatore





multimediaInfo Assistenze
multimediaArticoli Correlati
servizi