articoli Per utenti di servizi bancari e finanziari
INVESTIMENTI: LA BANCA DEVE RISARCIRE SE NON INFORMA ADEGUATAMENTE

INVESTIMENTI: LA BANCA DEVE RISARCIRE SE NON INFORMA ADEGUATAMENTE

E’ obbligo della Banca di fornire al cliente “un’informazione adeguata in concreto” Se l’informazione manca o è inadeguata la banca deve risarcire per il valore perduto delle obbligazioni o delle azioni.  
La Corte di Cassazione nella sentenza n. 2535 del 9 febbraio 2016 ha ribadito che la banca deve tenere un comportamento professionale prudente e diligente, e quindi è obbligo quello di evidenziare l’eventuale non adeguatezza dell’operazione.

La vicenda riguarda investitori che avevano sottoscritto contratti di acquisto di obbligazioni che avevano perso completamente  valore a seguito del default dell’azienda. La Suprema Corte che ha affermato l’obbligo di fornire all’investitore un’informazione tale da soddisfare le specifiche esigenze del singolo rapporto, in relazione alle caratteristiche personali e alla situazione finanziaria del cliente”;

Inoltre secondo i giudici il comportamento della banca non può ritenersi giustificato neppure nel caso in cui i clienti, a fronte della segnalazione di inadeguatezza dell’operazione, ribadiscano per iscritto la propria volontà di effettuare l’operazione.

La Suprema Corte ha ancora ricordato che: “Tutte le informazioni, comprese le comunicazioni pubblicitarie e promozionali, indirizzate dagli intermediari a clienti o potenziali clienti devono essere corrette, chiare e non fuorvianti” e devono essere rese: “in una forma comprensibile” per  consentire ai risparmiatori di prendere le decisioni in materia di investimenti in modo consapevole.


Condividi su Facebook

Per consulenza su questo argomento iscriviti ad AECI Firenze 

Contatti

News

 



04-04-2016

Pubblicato da: AECI Firenze






multimediaArea Riservata
area consumatore





multimediaInfo Assistenze
multimediaArticoli Correlati
servizi