articoli Per utenti di servizi bancari e finanziari
DIAMANTI DA INVESTIMENTO:  INDAGINI PER TRUFFA E AUTORICICLAGGIO

DIAMANTI DA INVESTIMENTO: INDAGINI PER TRUFFA E AUTORICICLAGGIO

Dopo il fallimento di IDB arrivano anche i primi esiti penali per la vicenda dei Diamanti venduti a prezzi  quadruplicati rispetto al loro valore, le  quotazioni false pubblicizzate sui giornali, l'intermediazione di istituti di credito. Tutti i  fatti  sono al centro oggetto dell'inchiesta della Procura di Milano che ha danneggiato i risparmiatori per centinaia di milioni di euro.

Secondo i numeri emersi,  dal 2011 al 2017 Intermarket Diamond Business (Idb) e Diamond Private Investment (Dpi), hanno effettuato  vendite per oltre un miliardo di euro. Di questi almeno 600 milioni di euro riguardano il  solo Banco Bpm  che ha piazzato diamanti a circa 30-40 mila clienti ha incassato nel periodo oltre 100 milioni di commissioni. Unicredit, che ha incassato  40-50 milioni di commissioni in sei anni, Intesa Sanpaolo, attiva a partire dal 2015, che ha coinvolto  7000 clienti nel 2016, Mps circa 14 mila operazioni  dal 2013 al 2016 e commissioni totali tra i 30 e i 50 milioni di euro.

La guardia di finanza ha operato sequestri preventivi per oltre 700 milioni di euro a carico della fallita Intermarket Diamond Business e della Diamond Private Investment, e a carico delle banche che avevano favorito le vendite Banco Bpm - Banca Aletti, UniCredit, Intesa San Paolo e Montepaschi.

(328milioni in capo alla Idb, 253alla Dpi, 83 milioni al BancoBpm-Banca Aletti, 32 milioni a Unicredit , 11 milioni a Banca Intesa e 35 milioni a Mps).

I sequestri sono stati chiesti dal procuratore aggiunto di Milano Riccardo Targetti, dalla pm Grazia Colacicco e sono stati disposti dal Gip Natalia Imarisio.
L’inchiesta aperta dalla procura milanese riguarda i reati di truffa aggravata e autoriciciclaggio e vede indagate una circa settanta persone tra cui il direttore generale di Banco Bpm
e altri dirigenti.
Quanto alle banche le contestazioni si riferiscono all’articolo 25 octies della legge 231 del 2001 sulla responsabilità amministrativa degli enti con riferimento al reato di autoriciclaggio (articolo 648 ter 1).

Dalle indagini in corso si scopre che coinvolti nella vicenda non solo piccoli risparmiatori anche personaggi noti tra cui Vasco Rossi (che avrebbe investito 2,5 milioni di euro),  Diana Bracco, la conduttrice tv Federica Panicucci e la showgirl Simona Tagli (tutte per per alcune decine di migliaia di euro).

La vicenda che ha sottratto centinaia di milioni di euro a risparmiatori italiani si sposta quindi anche nelle aule penali, ma gli uffici legali delle associazioni di consumatori sono impegnati a recuperare i risparmi dei soci con azioni civili nei confronti delle banche, della fallita idb e della Dpi , ancora ufficialmente attiva ma senza significativa capacità operativa.

Ai clienti che si rivolgono per reclamare le banche rispondono in modo non uniforme e spesso ambiguo: ad alcuni vengono promessi risarcimenti completi al prezzo di acquisto (ma ancora pochissimi effettivamente realizzati), ad altri clienti vengono proposti risarcimenti del 30% o 40%, ad altri viene consigliato di “attendere”, ad altri ancora non viene data alcuna risposta.
Pertanto, il suggerimento dei nostri uffici legali è di interpellare la banca per richiedere il risarcimento integrale e quindi, se non si ottiene una soddisfacente risposta, di avviare le iniziative necessarie attraverso il proprio legale o l’associazione consumatori, tra cui anche, nei confronti del fallimento di IDB,  la domanda di insinuazione al passivo entro l'8 marzo e la domanda per la restituzione dei diamanti lasciati in deposito presso Idb  (a mezzo posta elettronica certificata all'indirizzo della procedura  
f41.2019milano@pecfallimenti.it)  


L'Ufficio Legale di EuroConsumatori assiste i soci nelle controversie per la restituzione dell'investimento. Per informazioni e la valutazione del caso contattare la nostra sede. 

Descrivi il Tuo Caso

modulo contatti  
ISCRIVITI ON LINE PER RICEVERE CONSULENZA PERSONALIZZATA

scrivi a   info@aecifirenze.it
o telefona al numero 055 9362294

 



20-02-2019

Pubblicato da: AECI - Ufficio legale






multimediaArea Riservata
area consumatore





multimediaInfo Assistenze
multimediaArticoli Correlati
servizi