articoli Per utenti di servizi bancari e finanziari
CESSIONE DEL QUINTO: USURA  DIPENDE DALLE CONDIZIONI DEL CLIENTE

CESSIONE DEL QUINTO: USURA DIPENDE DALLE CONDIZIONI DEL CLIENTE

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus - 6 mar)  E' nullo il contratto di finanziamento stipulato dietro la cessione del quinto quando vengano praticati interessi superiori a quelli stabiliti dalla norma senza considerare le difficolta' di chi chiede il prestito e considerando quindi la possibilita' di rivalersi sul quinto di quanto percepito mensilmente. La Cassazione - con la sentenza n. 5160/18 - parla chiaramente di interessi usurari. Nel caso concreto, infatti, un soggetto aveva stipulato un finanziamento al tasso del 19,033% compresi i costi assicurativi a fronte del tetto del 15,11% previsto dalla Banca d'Italia. Secondo il giudice di primo grado sussisteva l'usura concreta (ex articolo 644, comma 3, del cp) sussistendo sia la sproporzione eccessiva tra i vantaggi del mutante e quanto ricevuto dal mutuatario (l'importo da restituire era di circa 37mila euro a fronte di un capitale di 17mila euro), sia la difficolta' economico-finanziaria in cui versava quest'ultimo (famiglia monoreddito di circa 20mila euro annui e precedente prestito) circostanze peraltro non contestate dall'istituti di credito. Stesso verdetto in Appello senza pero' che ci fosse una decisione sulle difficolta' economiche. La vicenda e' finita in Cassazione. E l'istituto di credito ha sollevato diverse eccezioni con altrettanti ricorsi. In prima battuta ha evidenziato come nella soglia di usura non dovessero essere comprese le spese per la polizza assicurativa sulla vita fatta stipulare a garanzia della somma erogata. Sul punto i Supremi giudici hanno evidenziato come l'articolo 644, comma 3, del cp e valevole sia sotto il profilo penale che civile, per la determinazione del tasso d'interesse usurario imponga di tenere conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse collegate alla erogazione del credito. La contestualita', poi, tra credito e assicurazione - si legge nella sentenza - quale espressione indicativa e presuntiva del collegamento tra questi elementi che e' richiesto dal comma 5 dell'articolo 644 si pone, prima di ogni altra cosa, come manifestazione tipica di un'offerta sul modello che si modella sull'articolazione di prodotti predisposti in modo unitario e preassemblato (il cosiddetto pacchetto). L'istituto di credito, peraltro a propria discolpa aveva evidenziato l'incontestabilita' di non aver provveduto a effettuare indagini finanziarie per accertarsi delle condizioni economiche del beneficiario del prestito. Sosteneva il ricorrente che nel finanziamento contro cessione del quinto diversamente da quanto avviene per gli altri prestiti personali, il cessionario dovrebbe solo ottenere conferma dell'esistenza del rapporto di lavoro dipendente, verificare che non esista un altro contratto di cessione del quinto, esaminare l'ultima busta paga e verificare che sia realizzabile la rata mensile fino al quinto della retribuzione in rapporto al periodo di ammortamento. In questo caso poiche' i giudici di merito erano a conoscenza delle difficolta' economiche in cui versava il mutuatario i giudici di secondo grado dovranno ripronunciarsi.


L'Ufficio Legale di AECI in collaborazione con StudioCredit assiste i soci nella verifica delle anomalie e in tutte le controversie bancarie e finanziarie.

controversie finanziarie usura

 

Descrivi il Tuo Caso

modulo contatti  
ISCRIVITI ON LINE PER RICEVERE CONSULENZA PERSONALIZZATA

scrivi a   info@aecifirenze.it
o telefona al numero 055 9362294



08-03-2018

Pubblicato da: EuroConsumatori Firenze






multimediaArea Riservata
area consumatore





multimediaInfo Assistenze
multimediaArticoli Correlati
servizi